Morto Paul Allen, co-fondatore di Microsoft

Aveva 65 anni ed era la seconda volta che tentava di sconfiggere il tumore non Hodgkin. La famiglia e il socio, Bill Gates, lo ricordano come un grande uomo.

paulAllen-Microsoft

Il co-fondatore di Microsoft Paul Allen è morto ieri pomeriggio a Seattle all’età di 65 anni, a causa di complicazioni legate al linfoma non Hodgkin. Meno conosciuto di Bill Gates, Allen era una personalità più riservata ma profondamente amata.

Il portavoce di Vulcan, la società privata fondata da Allen nel 1986, ha rilasciato una dichiarazione molto toccante: “con profonda tristezza annunciamo la morte del nostro fondatore Paul G. Allen, co-fondatore di Microsoft e noto tecnologo, filantropo, costruttore di comunità, conservatore, musicista e sostenitore delle arti“.

Sua sorella, Jody Allen, è anch’ella una donna d’affari. Da molto tempo ricopre il ruolo di amministratore delegato di Vulcan, e si è sentita di rilasciare una dichiarazione a parte, definendo suo fratello dal punto di vista privato: ”un individuo straordinario a tutti i livelli. Mentre la maggior parte conosceva Paul Allen come tecnologo e filantropo, per noi era un fratello e uno zio molto amato e un amico eccezionale. La famiglia e gli amici di Paul sono stati benedetti nell’esperienza del suo spirito, calore, generosità e profonda preoccupazione. Per tutte le richieste sul suo programma, c’era sempre tempo per la famiglia e gli amici. In questo momento di perdita e dolore per noi siamo profondamente grati per la cura e la preoccupazione che ha dimostrato ogni giorno“.

La malattia e i successi di una vita

Era già la seconda battaglia di Allen per il linfoma non Hodgkin, un tumore che ha origine nel sistema linfatico del corpo e provoca lo sviluppo di tumori dai linfociti, un tipo particolare di globuli bianchi.

Solo due settimane fa, Allen ha rivelato che il cancro, contro il quale aveva combattuto con successo nove anni fa, era tornato, scrivendo su Twitter che i suoi medici erano “ottimisti sul fatto che raggiungerò un buon risultato“.

Negli ultimi decenni, Allen era conosciuto per molte cose, tra cui il suo amore per lo sport, la passione per la musica e, in relazione, anche giocattoli costosi, dai quali spesso creava collezioni.

Allen era il proprietario della squadra dei Seattle Seahawks NFL, della squadra Portland Trail Blazers NBA ed era anche il titolare della Major League Soccer club del Seattle Sounders FC. Chitarrista di grande talento, Allen ha collezionato nella sua vita un numero impressionante di chitarre, inclusi pezzi originali appartenuti ai grandi Jimi Hendrix e Woodie Guthrie.

Il mega-yacht di 414 piedi di Allen, “Octopus”, sarebbe servito nel 2015, da un gruppo di ricerca diretto dallo stesso Allen, per scoprire il relitto di una delle più grandi navi da guerra della Seconda Guerra Mondiale, la nave giapponese Musashi, affondata nel 1944.

Allen aveva riferito alla CNN che il fascino per la storia della Seconda Guerra Mondiale derivava dal servizio di suo padre nell’esercito degli Stati Uniti, dichiarando: “Il Musashi è davvero una meraviglia dell’ingegneria e, come ingegnere, ho un profondo apprezzamento per la tecnologia e sforzo che è andato nella sua costruzione”. Allen possedeva inoltre 20 aerei della seconda guerra mondiale, un vero collezionista.

Nonostante il suo decadente stile di vita, il pioniere del personal computing era noto anche per la sua filantropia, infatti solo nell’ultimo periodo di vita aveva donato circa 30 milioni di dollari al governo della città di Seattle per aiutarlo a costruire un complesso di appartamenti che dovrebbe ospitare 94 famiglie senzatetto o con basso salario. Nel 2010, ha anche firmato il Giving Pledge, impegnandosi così a donare più della metà della sua fortuna. Il suo patrimonio netto è stato stimato di circa 20 miliardi di dollari.

L’altalenante amicizia con Gates

Allen si era dimesso da Microsoft nel 1983, anno in cui gli era stato diagnosticato per la prima volta il linfoma non-Hodgkin, tumore divenuto più curabile negli ultimi anni, ma che può essere fatale se non viene diagnosticato precocemente o quando inizia a causare insufficienza respiratoria o infezioni.

Una curiosità? Allen ha incontrato per la prima volta Bill Gates, quando entrambi hanno frequentato la Lakeside School di Seattle. Allen aveva 14 anni all’epoca e Gates 12 anni. Meno di un decennio dopo, hanno creato Microsoft, ma quando Allen ha lasciato la società, la loro lunga amicizia non era più forte come all’inizio.

Infatti, nel 2011, Allen pubblicò un’autobiografia, nella quale definiva Gates come esigente e conflittuale e disse che, mentre stava combattendo il cancro nel 1982, Gates e l’allora CEO di Microsoft Steve Ballmer stavano progettando qualcosa di poco onesto nei suoi confronti.

Gates e Allen però sembrano avere avuto una sorta di riconciliazione in seguito, posando come in una foto del 1981, ma nel 2013. In una dichiarazione rilasciata proprio ieri pomeriggio, Gates ha affermato con parole tristi: “il cuore è spezzato dalla scomparsa di uno dei miei più vecchi e cari amici, Paul Allen. “