Quattro PMI su cinque hanno ottenuto benefici tangibili avviando un percorso di trasformazione digitale

Lo studio di IDC promosso da SAP dimostra come la trasformazione digitale comporti vantaggi in termini di crescita e scalabilità per le PMI

trasformazione digital

Un paio di giorni fa SAP ha presentato l’indagine “SMB Digital Transformation”, studio internazionale sviluppato da IDC, gruppo mondiale specializzato in ricerche di mercato, sul percorso che le piccole e medie imprese stanno affrontando verso la trasformazione digitale delle proprie attività. Lo studio è stato condotto intervistando 3.900 decisori di aziende di 13 paesi diversi presenti in svariati settori come quello manifatturiero, della vendita al dettaglio, dei servizi, della sanità, della finanza e della pubblica amministrazione.
Il dato più rilevante emerso dalla ricerca afferma che quattro PMI su cinque riscontrano benefici tangibili nel momento in cui intraprendono un percorso di trasformazione digitale. Tra i principali vantaggi emersi dalla ricerca: l’aumento delle vendite, la diminuzione dei costi, una maggiore facilità di accesso alle informazioni e un miglioramento della customer experience e della produttività dei dipendenti. Tuttavia, molte PMI ancora fanno fatica a sfruttare appieno il potenziale della digital transformation, meno del 7 per cento di queste è andato oltre un primo livello di integrazione, riuscendo ad utilizzare in tempo reale le informazioni per l’ottimizzazione dei processi e dei flussi di lavoro, generando quindi risultati concreti di business.

Perché investire a lungo termine e l’importanza del cloud

Le PMI stanno adottando un approccio “pratico e tattico” alla trasformazione digitale. Quasi il 44% sta investendo in tecnologia per sostenere e migliorare in modo immediato i processi aziendali. Investimenti fatti per la maggior parte dei casi con una visione a lungo termine, quasi la metà (46,5%) delle aziende ha infatti dichiarato che la partecipazione attiva nella digital economy sarà essenziale per la sopravvivenza del proprio business nei prossimi tre, cinque anni. Poco più di un terzo (38,2%) delle imprese con meno di 100 dipendenti è dello stesso avviso.
Due su cinque PMI si sono dimostrate molto entusiaste del passaggio al cloud che ha reso più semplice il percorso di trasformazione digitale senza richiedere sforzi supplementari. Entusiasmo che cresce ancora di più per quanto riguarda l’utilizzo di groupware, soluzioni di CRM e applicazioni ecommerce che rappresentano i primi punti di ingresso in un processo di trasformazione digitale. Uno su tre degli intervistati ha inoltre confermato di preferire che queste applicazioni vengano erogate via cloud.
Nel complesso quasi tre quarti (73%) delle aziende che hanno deciso di adottare applicazioni digitali confermano che le loro aspettative rispetto agli investimenti tecnologici sono state raggiunte o superate e sebbene rimangano ancora alcune esitazioni, più di un terzo degli intervistati (34%) ha dedicato budget, persone e risorse supplementari per la trasformazione digitale, mettendo la propria impresa nelle condizioni di crescere seguendo il ritmo dell’economia digitale.
trasformazione digitale

Trasformazione digitale uguale opportunità di crescita e scalabilità

“Per le piccole e medie imprese che vogliono massimizzare la crescita e la redditività, la trasformazione digitale potrebbe rapidamente entrare a far parte dei costi di gestione del business”, ha dichiarato Barry Padgett, president of the SMB team di SAP. “Questo studio dimostra che le aziende più piccole si rivelano proattive e strategiche nel modo in cui investono nelle tecnologie digitali. Questi investimenti, molti dei quali hanno requisiti minimi in termini di impiego di capitale e di personale IT, offrono opportunità uniche per scalabilità ed efficienza, fornendo l’accesso a funzionalità che una volta non erano alla portata delle piccole imprese.”
“A livello globale le PMI sono sempre più consapevoli dei vantaggi che derivano dalla digital transformation e continuano a implementare soluzioni tecnologiche avanzate”, ha aggiunto Ray Boggs, vice president, small and medium business research di IDC. “Ma la sfida è realizzare una connessione tra le differenti aree tecnologiche per massimizzare l’impatto. Le imprese che adottano questo approccio tendono a crescere più velocemente e ad avere più successo in un ambiente competitivo in continua evoluzione.”