Gli italiani e i pagamenti digitali nel periodo natalizio

La ricerca condotta dalla società italiana di messaggistica parla di ben 10 milioni di operazioni eseguite fra il 22 e il 24 dicembre, +21% rispetto al 2015

connexia
Dario Calogero, ceo Ubiquity

Di Ubiquity, società specializzata nella fornitura di servizi mobile professionali, abbiamo parlato qualche tempo fa in occasione dell’acquisizione dell’indiana Solutions Infini. Occasione in cui abbiamo avuto la possibilità di scambiare anche quattro chiacchiere con il ceo di Ubiquity, Dario Calogero.
Subito dopo i giorni di Natale l’Osservatorio Ubiquity ha condotto una ricerca per tracciare un quadro sul numero di transazioni avvenute tramite carte elettroniche o via mobile fra le giornate che vanno dal 22 al 24 dicembre, il picco dello shopping natalizio. I dati sono stati raccolti grazie al numero di SMS inviati dalle banche ai propri correntisti e possessori delle carte di pagamento nel periodo di acquisti interessato. Le analisi di Ubiquity rappresentano un punto di osservazione privilegiato dal momento che sono 22 le banche italiane che si affidano alla società per la gestione dei servizi di messaggistica quali gli Alert SMS e si basano sul monitoraggio dei volumi generati dai servizi di messaggistica SMS in occasione di transazioni via POS, online e mobile da parte dell’utenza.

I dati della ricerca nel periodo natalizio

I risultati dell’indagine parlano di 10 milioni di SMS che hanno viaggiato sulle reti mobile italiane, con un incremento del 21% rispetto allo stesso periodo del 2015 e del 7% se confrontato con il fine settimana immediatamente precedente, da giovedì 15 a sabato 17 dicembre. Ben 10 milioni di operazioni dunque. I dati del periodo pre-natalizio sono stati di gran lunga superiori anche a un altro periodo in cui le transazioni elettroniche hanno segnato un importante picco: il fine settimana del Black Friday. Venerdì 25 e domenica 27 novembre gli SMS inviati dalle banche sono stati oltre 7 milioni e 800 mila, con un incremento rispetto al 2015 del 30,4%, dato che per l’appunto si attesta sotto quello generato fra il 22 e il 24 dicembre.

Un trend in crescita

“La combinazione moneta elettronica e maggiore confidenza con l’ecommerce incrementa in modo esponenziale il traffico di alert SMS che le banche inviano agli utenti,” sottolinea Dario Calogero, “che rappresenta ancora il mezzo più immediato e sicuro per tenere sotto controllo i movimenti effettuati con le carte di pagamento”.
Il trend generale di crescita testimonia il sempre maggiore utilizzo da parte degli italiani di strumenti di pagamento elettronico e del canale mobile per i propri acquisti. Un trend che entro il 2018 dovrà fare i conti con la PSD2 e tutto quello che di positivo e negativo comporterà al mondo dei pagamenti digitali.