N26 raggiunge quota mezzo milione di clienti e sfida i giganti dei pagamenti

Alla base della crescita i clienti stessi di N26 che raccomandando il prodotto con il passaparola riducono i costi di acquisizione della nuova clientela

N26

Il mondo dei pagamenti è in pieno fermento e tra portafogli digitali, QR Code e nuove regolamentazioni (PSD2) si prospetta un 2018 ricco di novità e competizione. Tra i principali protagonisti i tedeschi di N26, banca per smartphone che proprio pochi giorni fa ha annunciato di aver tagliato il traguardo dei 500.000 clienti, dimostrando di essere uno dei player più competitivi nel nuovo ecosistema dei pagamenti digitali. Il gruppo aveva festeggiato il suo 100.000esimo cliente nel gennaio 2016 e da allora l’utenza è cresciuta con una media di 1.500 clienti al giorno, circa 200.000 nuovi clienti negli ultimi 5 mesi, quadruplicando il tasso di crescita con un volume delle transazioni di oltre 5 miliardi di euro.
Le cifre sono dovute in gran parte al passaparola dei clienti già fidelizzati, sottolineando l’importanza fondamentale dell’esperienza positiva che N26 offre. «Il fattore chiave alla base della nostra crescita è costituito dai nostri stessi clienti che raccomandano il nostro prodotto, riducendo significativamente i costi di acquisizione della nuova clientela. Questa crescita esponenziale conferma l’obiettivo che ci siamo posti di divenire nei prossimi anni la banca mobile leader per i clienti digitali di tutta Europa», ha dichiarato Valentin Stalf, fondatore e CEO di N26.

Presente e futuro di N26

In linea con l’orientamento strategico aziendale volto a offrire ai propri clienti i migliori prodotti finanziari su un’unica piattaforma, negli ultimi mesi N26 ha ampliato costantemente la gamma di prodotti collegati al proprio conto corrente. In Italia, oltre al conto corrente tradizionale, la banca propone anche un conto ideato per i liberi professionisti e i lavoratori autonomi. In Germania ha recentemente lanciato un servizio di risparmio in collaborazione con Raisin e un servizio assicurativo in partnership con Clark; ha ampliato i servizi di finanziamento già esistente tramite auxmoney e ha integrato il SecureCode di Mastercard per garantire una maggiore sicurezza del mobile banking e dei pagamenti online. Il prossimo obiettivo, sul quale N26 sta già lavorando, è allargare la gamma di questi servizi anche sui mercati internazionali, inclusa l’Italia dove, assieme a Francia e Spagna, entro la fine dell’anno, supporterà Apple Pay.