Logistica e consegne: come cambia il commercio con l’aiuto della tecnologia

Si sente sempre più spesso parlare dello sviluppo della cosiddetta logistica 5.0, ovvero la logistica del futuro, accompagnata da strumenti ed innovazioni tecnologiche che ne migliorano le prestazioni andando a favore di datori di lavoro, lavoratori stessi e clientela.

Con il supporto di strumenti tecnologici come lettori di codici e dispositivi di organizzazione e controllo dotati di computer palmari portatili e integrati, strumenti di comunicazione digitale, tracciamento ed etichettatura, tutti i processi relativi a questo ambito vengono sveltiti e ottimizzati. 

La digitalizzazione del commercio ha consentito a numerosi settori di emanciparsi, evolversi ed espandersi oltre i limiti spazio-temporali. Ciò si è rivelato valido anche per tutte quelle attività che hanno reso possibile tale sviluppo e che, per funzionare bene, fanno ricorso alle operazioni di logistica. È il caso ad esempio di rivenditori specializzati in strumenti da ufficio e commercio come Omnitek Store, oggi considerato il principale punto di riferimento in Italia e sul web per l’acquisto di stampanti per tessere, computer palmari, lettori barcode e QRcode e tanti altri.

È proprio a realtà come questa che sempre più aziende si rivolgono per l’acquisto degli “strumenti del mestiere” digitali, importantissimi e utilissimi, divenuti ormai indispensabili nell’ambito logistico e delle consegne a domicilio.

Ma vediamo come, nello specifico, la trasformazione digitale influisce su tutto il settore commerciale e tutti i vantaggi che vi apporta.

Cos’è la trasformazione digitale?

Con il concetto di trasformazione digitale si intende l’implementazione di tecnologie nuove e all’avanguardia nel campo della logistica e delle consegne, in modo da migliorare l’efficienza generale di questo ambito economico.

Tale digitalizzazione, cominciata già da qualche tempo, è destinata senza ombra di dubbio a continuare e crescere in futuro, con il crescere stesso delle tecnologie impiegate. Secondo uno studio di McKinsey & Company, multinazionale di consulenza strategica leader mondiale nel settore, le aziende stanno attualmente dando priorità all’uso delle nuove tecnologie per le loro strategie di marketing (49%) e per implementare i loro servizi e i loro prodotti (21%). 

Secondo un altro studio condotto da Forbes Insights, circa il 65% dei responsabili della logistica si rende conto che rinnovare il proprio modello di business è fondamentale se si vuole sopravvivere e crescere nell’era del digitale.

Quali sono le soluzioni digitali più usate in ambito logistico

In ambito logistico, affidarsi alla tecnologia vuol dire cercare di raggiungere la gestione intelligente e quanto più possibile automatica dei dati e del workflow aziendale, nonché delle consegne a domicilio. Siamo alle porte della cosiddetta “Quarta Rivoluzione Industriale” e dunque mettersi al pari con i tempi è mandatorio.

Tra le soluzioni digitali più utilizzate troviamo:

  • Archiviazione data on cloud: per la gestione dei magazzini è sempre più in voga utilizzare i Saas, ovvero i Software as a Service, al posto delle tradizionali installazioni sui server locali dell’azienda. Questo sistema non è soltanto più comodo, ma permette anche di ridurre l’investimento iniziale solitamente richiesto per implementare un WMS, in quanto la licenza del software viene pagata mensilmente.
  • Dispositivi IoT: tale acronimo sta per Internet of Things e sta ad indicare una tecnologia che consiste nell’installazione di sensori in grado di catturare informazioni dal mondo fisico e trasformarli in dati digitali. Tra queste tecnologie troviamo rilevatori di movimento, trasloelevatori e trasportatori.
  • Computer palmari: questi vengono usati sia in magazzino che al di fuori di esso, al momento delle consegne, in quanto permettono di indicare rapidamente e con pochi click se la consegna del prodotto è andata a buon fine, se invece è stata rimandata e anche, laddove necessario, di apporre la firma del ricevente direttamente sul palmare stesso. In questo modo i processi sono velocizzati e portati a termine quasi in tempo reale.
  • Robotica: nelle operazioni intralogistiche l’utilizzo dei macchinari accanto al lavoro degli operatori è divenuto ormai fondamentale. Attualmente vengono utilizzati strumenti molto comodi e validi, come picking cart, pick to light, pallet shuttle e molto altro.
  • Intelligenze artificiali: lo studio e l’archiviazione dei numerosi dati che ogni giorno entrano ed escono dal magazzino di un’azienda può essere ad oggi affidato ad una intelligenza artificiale. In questo modo le merci potranno essere smaltite, allocate e recuperate con estrema facilità e precisione, in modo da rendere più semplice la vita di datore di lavoro e lavoratori stessi.