Arriva TickMe, l’applicazione che rende digitali i programmi fedeltà

La tecnologia sviluppata da Ahead Informatica in collaborazione con Epson permette di raccogliere punti fedeltà dall’app di TickMe scansionando il QR code stampato sullo scontrino emesso dal punto vendita

TickMe

Qual è il modo più facile per raccogliere dati in-store? Ne abbiamo parlato a più riprese e senza dubbio le carte fedeltà sono la strada più semplice da percorrere per creare una prima banca dati sui propri clienti. La verità è che questo tipo di sistema è un processo che richiede tempo e denaro, dal momento che il budget necessario per organizzare un programma fedeltà non è sicuramente accessibile a tutti. Per fortuna, molto presto, anche all’interno dei tradizionali punti vendita sarà possibile sfruttare al meglio l’enorme quantità di dati che il consumatore medio lascia sparsi online e i programma fedeltà serviranno solo per fidelizzare il cliente e non per raccogliere dati su di esso. Fino a quel momento però non resta che evolvere l’attuale situazione, o meglio digitalizzare il processo di raccolta punti.
TickMeL’ultima novità in tale ambito arriva da Ahead Informatica, software house specializzata in tecnologie per la semplificazione dei processi aziendali, che in occasione della call4ideas “NextPOSition 2017” lanciata da Epson è stata premiata per l’applicazione TickMeuna soluzione tecnologica per punti cassa intelligenti che, trasformando lo scontrino in voucher collezionabile, favorisce la fedeltà dei clienti e incentiva il loro ritorno presso il punto vendita.
A differenza dei vari portafogli digitali che permettono di raccogliere le carte fedeltà, semplificando la vita ai consumatori, TickMe la semplifica anche ai merchant. Con l’applicazione di Ahead, le tradizionali fidelity card vengono di fatto smaterializzate e trasformate in carte digitali, dando la possibilità anche a quei piccoli store che non dispongono di grossi budget di investimento di realizzare ugualmente il loro programma fedeltà. «Abbiamo deciso di aderire all’iniziativa NextPOSition fin da subito, convinti dell’utilità di sviluppare insieme progetti che rendessero la stampante intelligente un nuovo elemento attivo nel ciclo di acquisto», ha spiegato Simone Giordano, amministratore di Ahead Informatica. «Abbiamo sviluppato il tema loyalty perché dalla nostra esperienza è tra gli interessi maggiori sia per i consumatori sia per i responsabili dei punti vendita.»

Come funziona TickMe

Il funzionamento dell’applicazione è molto semplice, sia lato merchant che lato consumatori. I merchant dotati di stampante fiscale intelligente Epson – presenti in oltre il 35% dei negozi italiani – dovranno scaricare l’applicazione TickMe dal marketplace di Epson che consentirà loro di personalizzare lo scontrino aggiungendo testi, loghi e tipo di promozione. Inoltre, gli esercenti avranno la possibilità di completare la procedura di attivazione scegliendo, oltre la forma individuale, quella aggregata, utile ad esempio per le associazioni di categoria. Per i consumatori la faccenda è ancora più semplice e basterà scaricare l’app di TickMe da Google Play o dall’App Store e scansionare il QR Code presente sullo scontrino per accumulare punti e partecipare al programma fedeltà del negozio.