Marketing digitale nel 2021: 10 tendenze che dovresti davvero provare

L'analisi dei dati nell'influencer marketing

Ogni anno, il mercato analizza i cambiamenti del periodo passato e scandisce le prossime tendenze nel marketing digitale.  Per il 2021, questa analisi è attraversata ovviamente dalle trasformazioni portate dal COVID-19.

Il 2020 ha toccato la vita di tutti. La nuova pandemia di coronavirus ha causato dolore e perdite, ma ha anche trasformato comportamenti, tecnologie e modalità di lavoro che hanno avuto un impatto sul marketing digitale.

Mentre le persone si adattavano alla distanza sociale, le aziende dovevano rafforzare la loro trasformazione digitale. In questo contesto, la pandemia ha lanciato nuove tendenze o accelerato movimenti che erano già stati evidenziati negli anni precedenti, sia nel lavoro dei team di marketing che nel comportamento dei consumatori.

Ecco le principali tendenze nate da questo periodo di accelerazione del processo di digitalizzazione per aziende e PMI.

  1. Valorizzare le esperienze in tempo reale

La pandemia ha limitato la circolazione nelle strade a causa della necessità di distanza sociale. All’interno, le persone cercavano modi alternativi per andare avanti con le loro vite. In questo contesto si è diffuso un format di Digital Marketing che già era forte: i live (o trasmissioni di eventi live). 

Quest’anno molte persone hanno guardato uno spettacolo, un gioco, una lezione, una conferenza o un’intervista dal vivo su Internet. Le esperienze digitali si sono moltiplicate su tutti i canali – su YouTube, Facebook, Instagram e su piattaforme specifiche, come Zoom – e hanno battuto i record di visualizzazioni.

Le persone volevano connettersi tra loro, in uno scenario di isolamento e incertezza; volevano connessioni umane in tempo reale, che approfondissero la loro vicinanza e coinvolgimento con i contenuti e rispondessero all’impulso di un pubblico sempre più frettoloso ed esigente.

I brand possono sfruttare il potere delle esperienze in tempo reale: il coinvolgimento dei consumatori è enorme. Dunque, i live sono uno dei principali formati in tempo reale che potrai continuare ad esplorare nel 2021. 

I brand possono fare interviste, domande e risposte, conferenze e webinar. Ma ricorda sempre che il differenziale nelle esperienze in tempo reale è la possibilità di interazione con il pubblico. Quindi, incoraggia e valorizza la partecipazione degli utenti.

Ci sono altre possibilità per esperienze in tempo reale. Le interazioni su Twitter, ad esempio, avvengono quando sorgono notizie e dibattiti in tutto il mondo. Puoi coprire eventi o prendere parte a discussioni di mercato rilevanti.

Le conversazioni chatbot sono un esempio di esperienze in tempo reale con feedback istantaneo. 

Molte tecnologie di intelligenza artificiale come chatbot o dispositivi di realtà virtuale tendono ad espandere queste esperienze e renderle sempre più immersive negli anni a venire.

  1. Gestione dei contenuti generati dagli utenti (UGC) nelle strategie

Nel marketing digitale, i contenuti generati dagli utenti sono i post degli utenti che la tua azienda può utilizzare nelle strategie di marketing. Sebbene non sia un concetto nuovo, l’UGC tende a rafforzarsi nel 2021 e diventare una costante nella strategia di cross marketing per i mesi a venire. 

Ciò deve accadere perché i marchi ora possono vedere il potere di influenza degli utenti ordinari le cui esperienze con il marchio fungono da riprova sociale per gli altri consumatori.

Dopotutto, le persone si fidano delle persone come loro più della pubblicità del marchio e anche più dei grandi influencer del web. Pertanto, i clienti possono essere intesi come nano-influencer, con poca portata, ma con un alto potere di influenza perché sono autentici, vicini e affidabili.

Parlando di tendenze di marketing per il 2021, gli studi di settore mostrano che la partecipazione attiva dei consumatori ai canali del marchio può generare benefici. Questa partecipazione può avvenire attraverso recensioni online, post sui social media e altri tipi di UGC.

Approfitta quindi di questa motivazione e porta i consumatori a partecipare alle tue strategie e ai tuoi contenuti digitali nel 2021. 

I marchi possono farlo, ad esempio, così:

  • Ripubblicare le storie degli utenti che citano il brand;
  • Lanciare sfide su TikTok per consentire agli utenti di creare contenuti;
  • Pubblicazione delle recensioni degli utenti sul sito web o e-commerce;
  • Creando gruppi esclusivi di dibattiti e contributi al marchio.
  1. Aumento nella creazione di contenuti interattivi

Ok, forse pensi che il contenuto interattivo non sia qualcosa di nuovo. E non lo è.  All’inizio del 2020, stavamo già parlando dell’importanza dei contenuti interattivi nel marketing digitale.

Allora perché i contenuti interattivi sono ancora una tendenza del marketing digitale per il 2021? Perché abbiamo attraversato un anno di distanziamento sociale, che ci ha impedito di stare vicino alle persone di persona e ha portato le interazioni sugli schermi. Pertanto, i marchi hanno iniziato a investire di più nell’interattività per creare coinvolgimento umano. 

Come le esperienze in tempo reale e l’uso di UGC, che abbiamo già menzionato, i contenuti interattivi collegano marchi e consumatori.

Ma l’interattività è anche una tendenza perché i brand hanno sempre più bisogno di creare contenuti che si distinguano sul web.

Quiz, calcolatrici , ebook, infografiche e  video interattivi  sono alcuni esempi di contenuti che suscitano interesse e coinvolgono per un po’ l’attenzione dell’utente.

Nel 2020 abbiamo visto centinaia di grafici che spiegavano il nuovo coronavirus, com’è la media mobile dei casi e come ridurre il rischio di contagio utilizzando le mascherine. 

  1. Crescita di TikTok e Reels

I social network vanno e vengono. Ma questo sembra essere qui per restare: TikTok si è consolidato nel 2020.  Durante il lockdown, nel primo trimestre dell’anno, è stata l’app più scaricata al mondo, con 2 miliardi di download.

La crescita di TikTok è una delle principali tendenze del marketing digitale da tenere d’occhio nel 2021.  Svelare l’algoritmo TikTok e capire come diventare virale è una delle sfide per il prossimo anno.

Inoltre, possono venire nel tuo mirino nuove forme di pubblicità e partnership con i creatori di contenuti della piattaforma. Il successo del social network nel 2020 è stato tale da suscitare reazioni spropositate. Negli Stati Uniti, l’ex presidente Donald Trump ha bloccato le attività dell’app nel Paese (decisione ancora in un contenzioso legale).

Su Instagram, Mark Zuckerberg ha aggiunto una nuova funzionalità simile a TikTok (per non parlare della stessa), chiamata Reels. Ancora più importante che essere su TikTok o Reels è capire il linguaggio dei contenuti che queste piattaforme stanno consolidando.

Questi sono video veloci, a cui poco importa della qualità professionale. Cercano di esplorare gli effetti e le tracce per creare contenuti creativi che diventino virali. Servono per ridere ma anche per educare e informare, sempre con un tocco di umorismo.

  1. Aumento dell’uso di assistenti vocali

Durante la pandemia, l’uso quotidiano degli assistenti vocali è cresciuto del 26% nel mondo. 

Google Trends mostra che l’interesse per Alexa di Amazon è cresciuto notevolmente quest’anno. Dispositivi come Amazon Echo e Google Home sono in grado di riprodurre musica, creare elenchi di cose da fare, cercare informazioni, impostare allarmi, controllare altri dispositivi connessi e persino fare acquisti.  In questo modo, portano praticità e agilità nelle attività quotidiane.

Per il Digital Marketing, gli assistenti vocali sono un’ottima opportunità di innovazione. Questi dispositivi offrono diverse possibilità, come lo sviluppo di prodotti che si connettono con loro e creano contenuti audio (podcast, ad esempio).

Un’altra tendenza relativa agli assistenti virtuali è l’aumento delle ricerche vocali.

Unaa statistica pubblicata nel 2014 prevedeva che il 50% delle ricerche nel 2020 sarebbe stato vocale. Nonostante questa previsione non è stata ancora del tutto rispettata, sugli smartphone l’utilizzo della ricerca vocale è maggiore: secondo i dati di Google, nel 2018 il  27% delle persone ha utilizzato la ricerca vocale sui dispositivi mobili. E questa statistica tende a crescere man mano che gli assistenti virtuali diventano popolari.

Quindi, la SEO dovrebbe mirare a ottimizzare i contenuti per le ricerche conversazionali. Sempre più utenti effettuano ricerche con il linguaggio naturale come se stessero parlando con il motore di ricerca, quindi cambia l’uso delle parole chiave che assumono una forma meno tecnica e più convenzionale (ad esempio: “come coltivare girasoli”, oppure “donna cerca uomo” o ancora “come vendere il mio libro”). 

Google è pronto a capire come parlano le persone: l’intelligenza artificiale di BERT è in grado di svelare il linguaggio umano.