Econviene: l’ecommerce a zero spreco sostiene i negozianti colpiti dalla crisi Covid

Econviene.it tende la mano a negozianti e imprenditori colpiti dal Covid-19 offrendo loro una vetrina gratuita sul portale a zero-spreco dedicato a salute e bellezza

I tre fondatori di Econviene. Da sinistra Diego Zancarini, Giuliano Filippi, Alberto Monico

Econviene risponde alla chiamata di solidarietà del Ministero per l’Innovazione tecnologica, con l’obiettivo di risollevare i commercianti locali dalla crisi legata alla pandemia di Covid-19.

Si chiama “Vicini e Connessi” il progetto di solidarietà promosso dal Dipartimento per la Trasformazione digitale del Ministero, che offre ai commercianti la possibilità di promuovere gratuitamente i propri prodotti e servizi anche attraverso piattaforme ecommerce di terze parti.

Lo scopo, in questi tempi di limitazioni dovute al Covid-19, è quello di fornire a piccoli e medi esercizi una vetrina virtuale da utilizzare gratuitamente tramite strumenti innovativi come il portale www.econviene.it, il primo marketplace digitale per la distribuzione di prodotti di salute e bellezza a “zero spreco”, frutto dell’idea di tre imprenditori residenti tra Padova e Udine.

Evitare gli sprechi per garantire ai consumatori l’accesso a prodotti di alto livello, con sconti anche del 50%, coniugando risparmio e sostenibilità in un’ottica di economia circolare: questa la filosofia di Econviene, che oggi ha deciso di mostrare la propria solidarietà anche e soprattutto verso i negozi “fisici”, che più di tutti hanno pagato le recenti limitazioni agli spostamenti imposte ai cittadini a seguito dell’esplosione del Coronavirus.

Il 2020 ha portato una crescita in tutto il comparto salute – spiega Giuliano Filippi, tra i fondatori del portale Econviene.it – e l’ecommerce in particolare, anche a causa del lockdown, ci ha visto quasi raddoppiare il volume degli ordini, passando da un fatturato di 250mila Euro del 2019 fino agli oltre 400mila Euro di quest’anno. Anche per questo ci siamo sentiti in dovere di aiutare e sostenere coloro che sono stati meno fortunati di noi, dando il nostro pieno apporto all’iniziativa proposta dal Ministero”.

Econviene, nello specifico, offre ai negozianti di tutta Italia l’opportunità di inserire gratuitamente i propri prodotti (legati a salute o bellezza) all’interno del suo marketplace digitale, che solo nell’ultimo trimestre del 2020 ha fatto registrare quasi 210mila utenti attivi. Le adesioni avverranno tramite il sito di Solidarietà Digitale, dal quale esercenti e imprenditori interessati potranno iscriversi per approfittare di questa opportunità.

Nel pieno rispetto della filosofia zero-spreco che ci guida fin dalla nostra fondazione, nel 2017, – chiarisce Filippi – abbiamo deciso di aiutare botteghe, farmacie ed erboristerie nella gestione di tutte le scorte in scadenza, dando la possibilità di inserire gratuitamente questi prodotti nel nostro portale. Da un lato mettiamo a disposizione una vetrina sul mondo del web, per ottenere più visibilità e raggiungere i consumatori direttamente nelle loro case; dall’altro diamo modo alle piccole attività di svuotare i magazzini dai prodotti che, altrimenti, rischierebbero non solo di rimanere invenduti ma addirittura di finire al macero”.

Nel canale della farmacia italiana, infatti, da sempre esiste una regola non scritta che porta gli esercenti a non acquistare, o vendere, prodotti con una durata residua di 6 mesi. Lo stesso si può dire per le merci con packaging leggermente danneggiati, o a fine stock. Questa regola “precauzionale”, che discende dal mercato del farmaco, è stata ormai estesa a gran parte della parafarmacia e, di conseguenza, anche a tutto il settore degli integratori alimentari e dei cosmetici in genere.

Così, ogni anno, migliaia di prodotti giacciono invenduti presso aziende e grossisti, oppure vengono ritirati dal mercato. Un’emergenza cui Econviene.it ha saputo trovare una risposta efficace e sostenibile, salvando dalla distruzione migliaia di articoli senza prescindere ovviamente dalla loro qualità e sicurezza, garantite al consumatore attraverso gli attenti e continui controlli operati dalla Direzione Tecnica di Econviene.

Un portale altamente innovativo dunque, che in questi anni è cresciuto con un ritmo costante incrementando prodotti e servizi: “Proprio in questi mesi abbiamo lanciato due iniziative – chiarisce Filippi -: la prima è la Mystery Box, un pacco per lui o per lei in cui abbiamo inserito diversi prodotti a sorpresa, anche di alto profilo: è il secondo anno che proponiamo questa formula e ogni volta siamo riusciti a esaurire le nostre scorte. La seconda invece è una novità assoluta – prosegue -: un temporary shop dedicato ai giochi da tavolo, che oggi più che mai garantiscono un’alternativa piacevole per restare in casa, in famiglia o con amici. La filosofia che ci ha guidato è la stessa di sempre, ovvero lo zero-spreco. Per questo abbiamo raccolto solo quei giochi a fine stock, oppure in sovra-produzione, per restituirli ai nostri clienti a prezzo scontato. Una categoria tutta nuova da cui abbiamo già ricevuto ottime risposte, tanto che stiamo valutando di ampliarla con nuovi prodotti”.

Innovazione, sostenibilità e solidarietà resteranno i tre capisaldi che guideranno Econviene.it anche nel prossimo futuro: “Il 2021 sarà per noi una bella sfida – conferma ancora Filippi -, considerata l’eccezionalità di questo 2020, infatti, è difficile fare previsioni precise per il prossimo anno ma il nostro obiettivo è quello di confermare il trend di crescita mostrato in questi anni, puntando a raggiungere il milione di fatturato alla fine di quest’anno”.