Vai al contenuto

Klarna cresce in Italia: raggiunti 2 milioni di consumatori e collaborazioni con oltre 10.000 brand

Klarna cresce in Italia: raggiunti 2 milioni di consumatori e collaborazioni con oltre 10.000 brand

Klarna, leader globale nei servizi bancari, di pagamento e di shopping, annuncia un nuovo traguardo in Italia, dove ha raggiunto 2 milioni di consumatori e avviato collaborazioni con oltre 10.000 brand italiani e internazionali.

Approdata in Italia a ottobre 2020 con il lancio di “Paga in 3 rate”, Klarna si è affermata in un contesto in cui l’e-commerce ha assistito a una forte accelerazione e alla diffusione di un modello di consumo basato sulla fruibilità dell’esperienza di acquisto. Un recente report sviluppato da Klarna in collaborazione con Casaleggio Associati ha infatti mostrato che l’e-commerce è arrivato a registrare un fatturato di oltre 64 miliardi di euro nel 2021, con una crescita del +33% in un solo anno. Un trend che continua anche nel 2022, con un +8% nell’e-commerce di prodotto e un +59% negli acquisti online di servizi (fonte: Osservatorio eCommerce B2C promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm).

In tale scenario, saper andare incontro alle esigenze degli utenti offrendo loro una shopping experience fluida può rivelarsi la chiave del successo: i dati di Klarna hanno rivelato che oltre 6 italiani su 10 acquisterebbero più spesso online se gli e-commerce proponessero maggiori opzioni di pagamento. Inoltre, il 76% dei consumatori ritiene che i brand dovrebbero investire in tecnologie innovative per soddisfare le esigenze in evoluzione dei clienti. Per questo, in Italia Klarna sta già affiancando oltre 10.000 brand locali e internazionali, tra cui Calzedonia, Intimissimi, Decathlon, LaFeltrinelli, Unieuro, LUISAVIAROMA e AS Roma, mettendo loro a disposizione le proprie soluzioni flessibili e posizionandosi come partner di crescita in un mercato in continua evoluzione.

Non solo. I report di Klarna hanno mostrato che i consumatori italiani fanno shopping tramite smartphone molto più spesso rispetto a due anni fa, soprattutto tra Gen Z (il 73% degli appartenenti a questa generazione ha fatto maggior ricorso allo shopping da mobile negli ultimi due anni) e Millennials (68%). Un trend rispecchiato anche dall’utilizzo sempre più diffuso della Klarna App, che in Italia registra una media di oltre 300.000 utenti attivi ogni mese.

Il traguardo annunciato oggi segna anche un’altra importante novità per Klarna: Luigi Traldi è stato nominato nuovo Country Manager per l’Italia, dove sarà responsabile dello sviluppo futuro del business. Traldi, già a capo di uno dei team italiani di Partner Success di Klarna, ha assunto la carica succedendo a Francesco Passone.

“Sono orgoglioso di aver lanciato Klarna in Italia nel 2020 e di aver contribuito al suo successo in questi due anni, arrivando addirittura a raddoppiare il numero di consumatori negli ultimi nove mesi”, ha dichiarato Francesco Passone. “Ora, Luigi potrà continuare il percorso di crescita che abbiamo intrapreso, facendo leva sull’esperienza maturata nel precedente ruolo per sviluppare ulteriormente quella vision basata sull’innovazione che rispecchia i valori fondanti di Klarna”.

“Klarna si distingue da sempre per l’approccio disruptive con cui si rivolge sia ai consumatori, sia ai merchant e che ha consentito di raggiungere importanti traguardi in poco tempo anche nel nostro Paese. Avere l’opportunità di guidare il mercato italiano è una sfida che sono entusiasta di cogliere: l’obiettivo è continuare ad aiutare i consumatori a risparmiare tempo, denaro e a preoccuparsi meno delle proprie finanze, supportando ogni giorno i brand con soluzioni di pagamento e non solo, che possano accompagnarli lungo tutto il customer journey”, ha affermato Luigi Traldi, Country Manager Italia di Klarna.

Nel 2022 Klarna ha inoltre inaugurato la nuova sede di Milano, nell’ambito di un progetto di sviluppo che mira a contribuire attivamente al tessuto economico e professionale del territorio. Gli uffici milanesi ospitano anche uno dei tech hub dell’azienda, contribuendo allo sviluppo di nuove tecnologie e prodotti a livello globale.