Startup: lanciare una startup al college può migliorare le abilità imprenditoriali

Avere una buona intuizione può fare la differenza saper realizzare i passi giusti per portare un progetto da zero a cento risulta decisivo.

startup-college-imprenditorialita

In una startup l’idea pesa per l’1% sul successo del business. Il resto è esecuzione, dall’inglese “execution”. Questa è una frase che chi conosce l’ecosistema delle startup ha sentito migliaia di volte. Ed è vera. Anche se avere una buona intuizione può fare la differenza saper realizzare i passi giusti per portare un progetto da zero a cento risulta decisivo. Qualcuno potrebbe dire che cercare di avviare un’impresa nel bel mezzo degli studi universitari è una cosa da pazzi. Altri sostengono che è probabilmente il momento migliore per farlo. Sembrerebbe  che il superamento di pressioni e sfide offre un enorme impulso alle tue capacità imprenditoriali. 

Molti startupper hanno idee brillanti e pensano che bastino per far “sognare” gli investitori a occhi aperti. Peccato che i venture, come chiunque appartiene al mondo finanziario, abbiano una visione molto più concreta di un business. Ma è stato provato  come lanciare una startup al college può migliorare le tue abilità imprenditoriali. Nel 2013 infatti, Ben Lawton stava studiando per una laurea in gestione aziendale alla Leeds Trinity University quando ha lanciato Custom Controllers. Oggi la sua attività è uno dei principali produttori britannici di controller di gioco personalizzati, in procinto di raggiungere un fatturato annuo di 2 milioni di sterline (2,25 milioni di dollari) entro gennaio 2019.

A 13 anni, l’appassionato giocatore Lawton voleva un controller Xbox unico, così ha smontato il suo controller, ha verniciato i componenti e installato pulsanti aggiuntivi e chip di modifica per migliorare il suo gameplay online. “Presto tutti i miei amici della scuola volevano uno dei miei controller Xbox personalizzati, quindi ho iniziato a venderli per un profitto”, dice. Quando ha elencato i prodotti su eBay e hanno rapidamente esaurito Lawton sapeva che stava facendo qualcosa. All’università, mentre si concentrava sui suoi studi di laurea, ha anche perseguito i suoi piani aziendali, che hanno creato conflitti. “È stato difficile reperire una quantità sufficiente di scorte per soddisfare la domanda e mantenere elevati standard di qualità producendo un volume elevato di prodotti e tenere il passo con i miei corsi”, afferma.

Lawton è riuscito a mantenere tutti i suoi piatti in rotazione e si è laureato nel 2015. Oggi, Custom Controllers impiega un team di 30 persone e il suo fatturato per questo esercizio è del 120% più alto del precedente. Lawton ora sta cercando investimenti esterni con piani per l’espansione all’estero. Il suo consiglio è di fissare obiettivi di business realistici, ma a lungo termine, e di lavorare il maggior numero possibile di ore. “Il duro lavoro paga davvero,” dice, “se lavori mentre tutti dormono, sei già un passo avanti rispetto alla concorrenza.”

Oggi l’azienda gira oltre 1,5 milioni di dollari (1,34 milioni di sterline) all’anno, impiega 15 persone e ha assicurato investimenti esterni per 5 milioni di dollari (4,45 milioni di sterline). Burnett insiste sul fatto che le sfide legate alla combinazione di una formazione universitaria con ambizioni imprenditoriali hanno affinato le sue capacità imprenditoriali, che ora usa quotidianamente per motivare la sua squadra. “Quando credi nella tua idea, non mollare mai”, dice. “Lascia che diventi la tua passione e guidala verso il successo, perché la passione è l’unico aspetto che le persone sentiranno veramente da te.”