Spotify supera i 100 milioni di abbonati premium

Gli abbonati e Spotify Premium toccano quota 100 milioni, generando, da soli, 1,4 miliardi di fatturato; crescono anche gli introiti pubblicitari del 5%.

spotify

Con una crescita degli utenti premium del 32% anno su anno e del 4% rispetto al trimestre precedente, Spotify continua la sua scalata, superando i 100 milioni di utenti abbonati a Spotify Premium, per un totale di 217 milioni di utenti, compresi i fruitori del servizio gratuito (aumentati del 21% rispetto allo scorso anno e del 6% rispetto al trimestre precedente).

Sulla base dei risultati raggiunti, la società prevedere di raggiungere, entro la fine del prossimo trimestre, tra i 222 e i 228 milioni di utenti, di cui circa 110 milioni premium.

Anche il fatturato è aumentato, crescendo nel trimestre del 32% e toccando quota 1,5 miliardi di euro (a fronte di 47 milioni di euro di perdite operative): si questi, quasi 1,4 miliardi sono stati generati dagli abbonamenti (che hanno segnato un +5%), mentre gli introiti delle pubblicità ammontano a 126 milioni di euro, in crescita del 24%.

I prossimi passi di Spotify

Dal canto suo, l’azienda sta cercando di crescere sia nell’aspetto pubblicitario che in quello degli abbonamenti.

Da una parte, infatti, si solidifica il suo interesse nei settore del podcasting: dopo aver comprato Gimlet Media, Anchor e Parcast, realtà specializzate in questo mercato, l’azienda sta, infatti, mettendo a punto un nuovo modello di advertising, basato su migliori capacità di targeting, misurazione e reporting.

Sul versante delle sottoscrizioni, invece, sta testando in alcuni Paesi una nuova offerta, chiamata Premium Duo: si tratta di un nuovo abbonamento che permette, al presso di 12,49 (anziché i classici 9,30 euro), di poter evere due account. Una formula, dunque, dedicata a tutte le “coppie che vivono sotto lo stesso tetto”, come recita il claim del prodotto.