Saldi estivi in arrivo: qual è la psicologia dietro l’unboxing?

L’unboxing, ossia l’arte dello spacchettare gli acquisti online, sta diventando un trend del settore dell’e-commerce, analizzato da Packlink

Si avvicinano i saldi estivi e, con essi, anche il boom degli acquisti online, sui marketplaces e le piattaforme di e-commerce. Secondo Packlink, nel 2021 l’incremento degli acquisti online durante il periodo dei saldi, è stato pari al +26,57%.

In vista dei prossimi saldi che inizieranno il 2 luglio, è importante dunque capire quali siano i fattori ed i trend che si stanno facendo largo nel mondo dell’ecommerce.

Senza dubbio, uno delle mode del momento è l’unboxing, ossia l’arte dello spacchettare gli oggetti ed i regali comprati che arrivano a casa. L’unboxing è un fattore determinante nella psicologia dell’acquisto virtuale. Scopriamo dunque cos’è, qual è la chiave del suo successo e cosa un’impresa dell’e-commerce può fare per migliorare questa pratica.

  1. L’unboxing: la psicologia dietro l’apertura di un pacco

L’unboxing, ossia lo spacchettamento via social dei propri acquisti, è a tutti gli effetti una parte importante della customer experience: soprattutto nell’online, i consumatori vogliono ricreare e ricevere le stesse sensazioni dei negozi fisici. Dunque, ciò che può mancare online, come una musica d’ambiente, degli interni accattivanti o dei commessi gentili può essere sostituito da altri fattori: packaging accattivante, design e unboxing appunto.

Il trend dei video di unboxing è una reminiscenza della nostra infanzia. Un pacchetto bello o unico può creare entusiasmo per gli oggetti al suo interno e una confezione o un packaging ben creato generano una sensazione di attesa che è la stessa che proviamo quando stiamo per aprire un regalo. Questo crea una sorta di “dipendenza” dall’oggetto che stiamo per scoprire e ci porta a restare incollati allo schermo. L’effetto sorpresa alimenta la nostra curiosità ed il desiderio di scoprire cosa nasconde la scatola.

Attraverso video di unboxing però si crea inconsapevolmente una maggiore fidelizzazione del cliente al brand. Si crea inoltre un processo di partecipazione e coinvolgimento dell’audience fondamentale in un negozio online. Il prodotto viene sì mostrato ma, allo stesso tempo, attraverso messaggi subliminali il cliente è attratto e coinvolto in tutto il processo di vendita: dalla consegna, alla qualità dell’imballaggio, i colori usati, i materiali riciclati, l’attenzione per la sostenibilità. Il messaggio che viene veicolato è dunque più diretto e sincero, attraverso l’esperienza diretta del cliente che decide di spacchettare il proprio acquisto in rete.

  • Il video shopping: nuovo trend del settore e-commerce

I video con unboxing o per acquistare prodotti online sono iniziati come un fenomeno nel mondo della tecnologia, ma attualmente stanno avendo un boom, con un aumento di spettatori del 57% solo nell’ultimo anno. Questo fa parte del social commerce, ossia del commercio online attraverso i social:  non più foto del prodotto, ma video e visite virtuali che consentono di conoscere tutte le specifiche e gli usi attraverso livestream e tutorial in cui possono essere fatte domande e che contengono poi link diretto alla webpage per lo shop.

I ritmi e la velocità di acquisto sono quindi molto diversi rispetto ai negozi fisici: la velocità è normalmente l’elemento chiave dell’e-commerce ma nel caso dell’unboxing possiamo notare delle differenze. il cliente vuole sì efficienza, funzionalità, agilità ma allo stesso tempo è proprio quel fermarsi ed aspettare trepidante l’apertura del pacco e il disvelamento del prodotto che crea una sorta di dipendenza e sta facendo crescere questo trend.

Come massimizzare l’esperienza di unboxing

Per ottenere il massimo impatto dall’esperienza di unboxing, è importante avere alcuni accorgimenti che possono fare la differenza al momento di scegliere un brand piuttosto che un altro.

  • Il pacco: deve essere robusto, facile da aprire e compatto. La soluzione più diffusa è la  scatola postale personalizzata con il design del brand, ma ci sono altre soluzioni che possono essere spesso più adatte in base al tipo di prodotto che si vende. Ad esempio, buste imbottite, sacchetti compostabili, scatole di cartone riciclato. Per gli italiani, la scelta del packaging è importante nel processo d’acquisto, soprattutto dal punto di vista ambientale: il 45,7% è disposto a pagare fino al 10% in più di sovrapprezzo per packaging sostenibile, in particolare le fasce d’età tra i 31 e i 35 anni (56%).
  • Inserire buoni sconto, o campioni omaggio è una tattica vincente per invogliare all’acquisto non solo il cliente ma anche tutti gli utenti che stanno visualizzando il video di unboxing.
  • Biglietti di ringraziamento personalizzati, meglio se scritti a mano e magari con offerte ed indicazioni delle ong di cui il brand sposa le cause. Questo elemento di fidelity è sempre più importante per i consumatori, sensibili a tematiche come quelle ambientali, sociali e di gender equality.
  • Aggiungere una nota profumata: anche se chi guarda non potrà coglierla, per il cliente che spacchetta un acquisto online, stimolare anche altri sensi oltre a quello della vista e del tatto è fondamentale. Per questo sempre più brand scelgono di inserire delle fragranze profumate all’interno della spedizione. Le esperienze sensoriali infatti sono sempre ben valutate dai clienti.

L’unboxing sta diventando uno strumento strategico per la fidelizzazione dei clienti ad un determinato brand. Stiamo vedendo che il commercio elettronico continua ad essere in continua crescita e dunque è importante sperimentare nuove forme di acquisto che tengano in considerazione il coinvolgimento del cliente, l’esperienza sensoriale dietro un acquisto online ed il processo di scoperta e sorpresa. Questo si riflette sulla fidelizzazione del cliente e dunque sulla competitività di un’impresa”, afferma Noelia Lázaro, Marketing Manager di Packlink.