Lime, startup di scooter elettrici e bike sharing, sbarca in Australia

I veicoli elettrici green ha già ottenuto un discreto successo negli Usa, patria di Lime. Adesso provano a replicare lo stesso risultato anche oltreoceano.

scooter-ebike-Lime-australia

Lime, la società di scooter elettrici e bike sharing, è sbarcata anche in Australia, più precisamente nella città di Sidney.

Nella città australiana sono state rilasciate circa 300 e-bike distribuite solo per iniziare, mentre gli e-scooter saranno presto disponibili.

La prossima città interessata dalla distribuzione di Lime sarà Melbourne, con una particolarità: vanterà l’anteprima di scooter elettrici offerti in esclusiva per la gente del posto durante la corsa di cavalli della Melbourne Cup.

Sebbene le persone negli Stati Uniti abbiano sperimentato in prima persona e supportato i progetti di Lime già da oltre un anno, gli australiani potrebbero al contrario non provare tutta quella familiarità con il loro modo di lavorare, quindi occorrerà analizzare quali saranno i risultati durante un iniziale periodo di prova.
I veicoli funzionano con una batteria al litio, che può essere sostituita da uno dei 50 dipendenti delle operazioni in tutta la città, garantita ogni due giorni. Le bici sono in grado di raggiungere i 23,8 km/h, anche su terreni collinari.

Richiesta crescente di veicoli puliti, economici e accessibili

Il servizio funziona tramite l’App Lime, che consente di scansionare tutta l’area circostante per capire dove e quanti veicoli sono disponibili. Per quanto riguarda i prezzi, il sevizio costerà 1 dollaro per sbloccare un veicolo e 30 centesimi al minuto per l’utilizzo.

Lime ha dichiarato ufficialmente che sta lavorando con le autorità locali a Sydney per assicurarsi che possano entrare nella rete di trasporti già esistente, garantendo semplicità di reperimento per tutti i clienti.

Le bici elettriche di Lime sono diventate molto popolari in città come Sydney e Seattle, la cui comunità è alla ricerca di mezzi di trasporto più puliti, economici e accessibili”. Questo è quanto ha dichiarato Mitchell Price, Direttore degli Affari Governativi e Strategia in Australia e Nuova Zelanda, in una dichiarazione stampa. “Il vantaggio delle nostre bici elettriche è che collaborano con il trasporto pubblico esistente, aumentando l’accessibilità dei trasporti pubblici in modo che le persone possano fare meno affidamento sulle auto personali.

Il bisogno di Sydney di soluzioni di trasporto innovative, che soddisfano il primo e l’ultimo miglio, ci dà la sicurezza che vedremo un’elevata diffusione delle bici elettriche Lime all’interno della comunità”, ha poi aggiunto.

Anche se attualmente opera in più di 100 città in tutto il mondo, compresi gli Stati di Canada, Messico, Spagna, Francia, Germania, Svizzera e molte altre ancora, l’attività australiana di Lime segna un’ulteriore incursione per l’azienda nell’emisfero australe. Lime ha lanciato i suoi e-scooter nelle città neozelandesi di Auckland e Christchurch lo scorso ottobre, come programma pilota relativo agli scooter della Nuova Zelanda. Lime ha visto i numeri degli scooter di Auckland e Christchurch crescere a 1.000 e 700 rispettivamente.

Come altre città in tutto il mondo, inclusa Sydney, Lime ha lavorato a stretto contatto con la New Zealand Transport Agency, la Christchurch City Council e la Auckland Transport per integrare gli scooter nel sistema di trasporto esistente.

Il programma relativo agli scooter è esattamente il tipo di cosa che vogliamo: zero emissioni e molto divertimento”, questa la dichiarazione del consigliere di Christchurch, Vicki Buck, in una nota ufficiale alla stampa.

L’introduzione di un nuovo programma di condivisione del giro può scatenare alcuni sentimenti negativi per gli australiani, che hanno visto le città di tutto il paese lottare per affrontare le discariche di massa di biciclette negli ultimi 12 mesi, una terribile tendenza osservata a livello globale, ma più notoriamente nelle città della Cina. Implementare protezioni per scooter come la Nuova Zelanda può alleviare alcuni di questi timori, ed il fatto che Lime stia lavorando con le autorità locali sin dall’inizio è positivo, infatti si stanno svolgendo consigli locali in tutto il mondo, compresi quelli in Australia, che hanno dovuto ripulire il caos della condivisione di biciclette dopo il fatto.

Lo stesso Lime ha visto una legislazione decente implementata in alcune città degli Stati Uniti che tentano di controllare il dumping degli scooter. Alcune città hanno identificato aree geo-recintate come zone senza parcheggio, e Lime sta lanciando nuovi schermi sugli scooter elettrici di terza generazione che renderanno più chiaro ai ciclisti quando si trovano in queste zone.

Come reagirò l’Australia

L’Australia sembra aver implementato alcune aeree vietate al parcheggio, in quanto l’app mostra, ad esempio, aree in rosso dove non è possibile parcheggiare biciclette e scooter.

A prescindere dal tradizionale percorso bike-share, ci si pone anche un’ulteriore domanda: se gli australiani riprenderanno la tendenza degli scooter elettrici, visto che hanno avuto un anno per stabilizzare il sistema.

Negli Stati Uniti, aziende come Lime hanno al loro fianco molti concorrenti come le start-up di scooter-share di San Francisco, Spin and Scoot, il Jump di proprietà di Uber, Motivate di Lyft.

Il servizio di biciclette di Singapore oBike, invece, si è ritirato dal mercato australiano a giugno, con la società cinese Ofo che ha seguito l’esempio a luglio.

Quindi attualmente Lime ha buone possibilità di inserirsi efficacemente nel contesto australiano.