Aumento di capitale da oltre mezzo milione per Worldz

La startup continua la sua crescita e convince Intesa Sanpaolo che partecipa al nuovo round di investimento: l’obiettivo è l’internazionalizzazione

Joshua Priore, fondatore e CEO di Worldz
Joshua Priore, fondatore e CEO di Worldz

Worldz, la startup che ha sviluppato un software in grado di trasformare ogni e-commerce in un  Social Commerce, continua la sua crescita e, nonostante lo scenario da lockdown, vede i suoi KPI in  salita e chiude un nuovo round di finanziamento. 

Anche durante il clima di restrizioni, Worldz conferma la sua solidità e il suo trend di crescita con un  +500% del fatturato sul 2020, così come era già accaduto nel 2019. Questa riconferma ha consentito  di finalizzare ad Ottobre un round di investimenti da oltre mezzo milione di euro (esattamente  572mila euro), che ha visto il supporto di un gruppo di investitori lombardi e del più grande gruppo  bancario italiano, Intesa Sanpaolo, il quale ha deciso di sottoscrivere un finanziamento convertibile  per supportare l’azienda nell’accelerazione del suo percorso di sviluppo.  

“Questo round è importante in particolar modo per le potenzialità della collaborazione con Intesa Sanpaolo. Sebbene la nostra crescita continui ad essere a tripla cifra anno su anno, siamo un’azienda  molto ambiziosa e intendiamo accelerare ulteriormente con un prodotto che possa coprire ulteriori  mercati, sia in Italia che all’estero ed eventualmente anche il mondo retail: infatti puntiamo  all’internazionalizzazione già nel prossimo anno” ha commentato questo traguardo Joshua Priore,  CEO e Founder della startup. 

Gli obiettivi della startup

La startup ha in questo momento degli obiettivi ambiziosi tra i quali: l’integrazione di nuove  feature tecnologiche in sinergia con la Banca e con altri importanti Player di mercato,  investimenti nell’area Media e nell’acquisizione di nuove risorse in ambito Sales, così come  l’apertura di nuovi mercati in Europa, primo fra questi il mercato UK.

Questo nuovo traguardo rappresenta un ulteriore tassello di una crescita che è rimasta  costante e solida nel tempo. La startup fondata da Joshua Priore nel 2015 ha chiuso infatti  con successo già due campagne di crowdfunding. Nell’ultima, avvenuta all’inizio del 2019, la  startup era stata valutata con una valuation pre-money di 3,7 milioni, mentre l’ultima  valuation è stata di 5 milioni.

Attualmente Worldz è stata scelta da oltre 200 store online per i quali nel 2020 ha  incrementato le vendite del 330%, generando per loro un fatturato di oltre 7 milioni di  euro. La piattaforma conta una community di oltre 250mila utenti, cifra che in questo  anno è cresciuta del 385% rispetto al 2019. Oltre 46mila social post sono stati generati  tramite il passaparola di Worldz, raggiungendo quasi 4 milioni di visualizzazioni.

“Come previsioni sull’anno possiamo augurarci di confermare l’attuale trend di crescita con il  raggiungimento di 50 milioni di sessioni di utilizzo della nostra tecnologia e 10 milioni di  revenue generate per i nostri e-commerce partner” ha dichiarato Joshua Priore.

Cosa fa Worldz?

Worldz è un plugin per e-commerce che consente di integrare le funzionalità dei social  all’interno degli shop digitali. Questa integrazione consente di ottimizzare le funzionalità del  sito web, accompagnando i clienti lungo il funnel di acquisto, profilando il traffico dello store e  offrendo agli utenti uno sconto personalizzato in cambio di una condivisione social con il  prodotto scelto. 

Secondo la logica di Worldz, ogni social post ha un valore economico che è proporzionale  all’interesse che un utente genera tra i suoi amici e follower. Grazie alla tecnologia sviluppata  dalla startup, questo valore viene calcolato da un algoritmo e viene messo a disposizione di  chi accede al servizio sotto forma di sconto immediato per lo shopping online. 

Worldz è una tecnologia win win sia per i consumatori che per i brand, poiché ai primi consente  di fare shopping con sconti personalizzati in base al proprio engagement social (Facebook o  Instagram), mentre ai secondi consente di ottimizzare le performance del proprio e-commerce,  ottenere un passaparola positivo sui social network e ampliare il proprio database di utenti.