La Cina incoronata leader dell’eCommerce e del Digital Retail: l’analisi di eMarketer

eMarketer pubblica il suo nuovo rapporto sull'eCommerce su scala globale: protagonista assoluta dell'analisi è la Cina, con il 54,7% del valore mondiale.

Il commercio elettronico cinese vale 1,94 trilioni di dollari ed è il più grande mercato al mondo – oltre tre volte quello statunitense, che si posiziona al secondo posto: è questo quanto scritto nel rapporto di eMarketer e riportato da Alizila. E l’ascesa nel Paese del New Retail, che unisce il meglio del commercio online e offline per favorire livelli più elevati di coinvolgimento tra brand e consumatori, sta stimolando le innovazioni nella vendita al dettaglio in tutto il mondo.

Il rapporto descrive un mercato eCommerce globale in forte espansione, che dovrebbe crescere del 20,7% quest’anno, toccando quota $ 3,5 trilioni di vendite: proporzionalmente la Cina, con i suoi 1,94 trilioni di dollari, vale, quindi, il 54,7% del valore dell’eCommerce globale.

Le aree dell’e-commerce in cui la Cina è leader

  • Mobile Commerce: durante il 2019, nel Paese, quattro dollari su cinque (80%) spesi in eCommerce sono stati generati dai dispositivi mobili, rispetto alla media globale del 64,4%
  • Mobile Payment: i consumatori cinesi fanno affidamento ad app, come Alipay di Ant Financial, sia per gli acquisti online che per i pagamenti nei negozi fisici. Quest’anno circa l’81% degli utenti di smartphone in Cina utilizzerà i pagamenti mobile, rispetto a solo il 27% negli Stati Uniti.
  • Commercio elettronico transfrontaliero: questo è stato un canale da tenere d’occhio, ha affermato eMarketer, poiché le infrastrutture globali migliorano e le piccole imprese sono in grado di accedere meglio ai mercati globali. In Cina, la domanda di prodotti per la casa di alta qualità, beni di lusso e abbigliamento di alta moda guiderà la tendenza.

“Nonostante si continui a raccontare le storie di successo digitali degli Stati Uniti, vi è una crescente sensazione che la Cina sia diventata il fulcro dell’innovazione nel commercio elettronico”, afferma il rapporto.

Per spiegare l’impatto del commercio digitale sul retail, eMarketer ha contrapposto il “New Retail”, un termine largamente usato in Cina, con “omnichannel”, comunemente usato in Occidente. Il New Retail si basa sull’approccio digital-first al commercio digitale della Cina, perché ha ampiamente superato la concezione di negozio fisico vista in Occidente e si è rapidamente spostato online. Omnichannel, invece, è il tentativo dell’Occidente di indirizzare i servizi digitali sulla sua storica infrastruttura di negozi fisici per offrire ai consumatori le efficienze di acquisto a cui si sono abituato online. Ma mentre le operazioni omnicanale crescono in raffinatezza e a user experience diventa più fluida, “la visione di New Retail è più vicina a diventare una realtà” in Occidente, afferma il rapporto.

Il rapporto ha anche messo in luce la nuova catena di negozi di alimentari al dettaglio Alibaba Freshippo come esempio di questo approccio incentrato sul consumatore, in cui “i clienti possono fare acquisti di persona, cenare ed effettuare ordini”. Oltre alla Cina, eMarketer ha affermato che gli Stati Uniti e il Regno Unito sono avanzati in alcune nuove operazioni di vendita al dettaglio che sono più adatte ai consumatori locali, come il “click&collect”, che consente ai consumatori di ordinare online e ritirare i propri articoli in un negozio.

Non sorprende, quindi, che il principale player del mondo eCommerce in Cina, Alibaba Group, sia in cima alla lista dei leader mondiali del mercato. I marketplace Taobao e Tmall di Alibaba si sono posizionati, infatti, rispettivamente al primo e al secondo posto a livello globale in termini di volume lordo delle merci, con Amazon al numero tre, secondo i dati dei retailer su Internet citati dal rapporto.

Il rapporto ha anche fatto una chiara distinzione tra i ricavi di Alibaba che sono “quasi esclusivamente guidati dalle vendite di terze parti” e quelli di Amazon che, invece, derivano principalmente dalle vendite dirette.