Guida pratica all’acquisto di una scheda video

Anche i più avvezzi al mondo della tecnologia si trovano, quando devono scegliere i componenti con cui assemblare il proprio PC, di fronte a scelte difficili. Ogni elemento, infatti, influirà sulle performance della macchina. Per questo motivo, non è possibile commettere errori madornali, specie quando il dispositivo servirà ad assolvere mansioni di tipo lavorativo.

Uno degli elementi chiave per un buon PC assemblato è la scheda video, ossia la Graphic Process Unit. Trattasi di un componente che svolge miliardi di calcoli al secondo, di tipo grafico, matematico e crittografico, utili per il dispositivo a svolgere sia i compiti più semplici come il lavoro quotidiano che, soprattutto, nelle sessioni più intensive di gaming.

Non solo, anche chi lavora nel mondo del content creating, della progettazione 3D e nell’editing, necessita di una scheda video performante, seppure focalizzandosi su parametri valutativi differenti. Nelle prossime righe, scopriremo tutto ciò che c’è da sapere per acquistare una GPU con consapevolezza ed arricchire il vostro computer in termini di prestazioni grafiche.

Parametri che influenzano la scelta della GPU

Come detto, sono diversi i fattori di cui tener conto quando ci si trova di fronte alla scelta di una scheda video. Al contrario di quel che si potrebbe pensare, ad esempio, la scheda video più potente non è sempre la soluzione migliore per le proprie esigenze e tutto dipende dalle performance del computer che si intende assemblare e dall’utilizzo che si farà della GPU.

Tanto per cominciare, occorre bilanciare la potenza della scheda video con quella di tutte le altre componenti del computer. Una GPU troppo potente rispetto al resto del computer, infatti, potrebbe mettere a rischio l’intero rendimento della macchina. Inoltre, non tutti i PC necessitano di una scheda video dedicata e, per questo, bisognerà valutare con attenzione il montaggio della GPU nel caso in cui se ne necessiti per rendering video oppure durante il gioco.

Bisogna, poi, tener conto dei parametri di risoluzione della GPU, rapportati anche alle prestazioni del monitor su cui andrà a proiettare le immagini. Inoltre, occorre pensare alla memoria con cui la scheda viene equipaggiata. La scheda video, infatti, contiene una VRAM, ossia una memoria RAM che sfrutta al posto di quella del PC e che funziona a velocità diverse.

Altro parametro molto importante è il consumo energetico della componente che potrebbe portare a degli scompensi in caso di eccessi rispetto al consumo medio del resto del computer. Inoltre, le schede video necessitano di dissipare calore. Montarle in condizioni non adatte al modello, quindi, potrebbe portare a malfunzionamenti hardware o rumori eccessivi.

Come scegliere quale usare

Bisognerà, poi, scegliere il modello più congeniale alle proprie esigenze. Quando si parla di schede video, comunque, i due brand principali che sovvengono spontanei sono NVIDIA e AMD. Se la prima era conosciuta per gli eccellenti modelli di fascia alta, AMD si costruì una reputazione solida vantando prodotti dall’ottimo rapporto qualità/prezzo.

Oggi, le differenze tra le due si sono assottigliate notevolmente a causa della costante competizione tra i brand che ha portato a colmare le rispettive lacune. Comunque sia, sia AMD che NVIDIA propongono modelli al top sia per il lavoro che per il gaming. Rimane il fatto che, a meno di non usare la GPU in maniera intensiva per le proprie mansioni quotidiane, si possa ripiegare su modelli più economici, senza scendere troppo a compromessi con la qualità d’immagine.

Se, al contrario, il computer viene utilizzato per la creazione di contenuti ed il gaming, badare a spese potrebbe rivelarsi deleterio. Per questa ragione, è consigliabile ponderare attentamente il tipo di utilizzo e i compiti che la macchina dovrà svolgere giorno dopo giorno.