Amazon e il nuovo quartier generale: sono 20 i finalisti

Bezos ha selezionato 20 delle 238 località che si erano proposte. Oltre 5 i miliardi stanziati e 50.000 i nuovi posti di lavoro

amazon-advertising

Seattle è cambiata non poco da vent’anni a oggi. Anche se la redazione di Dcommerce non ci è mai stata, possiamo immaginare che la presenza di Amazon abbia creato nuovi posti di lavoro e alzato la qualità della vita, si parla di boom edilizio e affitti crescenti, e non che Microsoft, non tanto distante, non abbia fatto il suo in questi termini. Non è quindi passato inosservato l’annuncio di Bezos, a settembre, di voler costruire un nuovo Headquarter, per il quale ha stanziato 5 miliardi di dollari e prevede di creare 50.000 posti di lavoro ben pagati nei prossimi 10-15 anni.

Tutti all’arrembaggio

Sono state 238 le località che si sono proposte per ospitare HQ2 e tra i contendenti non mancano New York, Boston, Chicago, Miami e Toronto ma si sono proposti anche mercati minori come Tulsa, Oklahoma e Memphis, nel Tennessee.
La grande ricerca HQ2 di Amazon ha innescato una competizione in stile reality tra governatori, sindaci e burocrati in tutti gli Stati Uniti e in Canada. Birmingham, in Alabama, ha eretto una enorme scatola di spedizione di Amazon per annunciare l’offerta della città. Il consiglio comunale di Stonecrest, in Georgia, ha votato per lasciare che il gigante dell’ecommerce formi la sua città “amazzonica”.
HQ2 è anche buona cosa per Amazon nell’era di Trump. Il presidente degli Stati Uniti e l’amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, si sono pubblicamente risparmiati sulle imposte di vendita e sull’occupazione, ma l’impegno a spendere $ 5 miliardi e creare 50.000 posizioni ad alto pagamento si adatta alla richiesta di Trump di fabbricare e assumere americani. (A meno che, naturalmente, Toronto vinca l’offerta.)
All’inizio di questa settimana anche Apple Inc. ha annunciato piani per un secondo campus aziendale da qualche parte negli Stati Uniti e nei piani ci sono anche 20.000 assunzioni. La società ha anche detto di pianificare circa $ 30 miliardi di spese in conto capitale nei prossimi cinque anni.

La scelta

Amazon ha quindi dovuto restringere la rosa dei candidati e, a oggi, sono 20 i finalisti, e ha dichiarato che le sue preferenze per il sito includono una posizione metropolitana con una popolazione di oltre 1 milione, il trasporto di massa, la vicinanza a un hub di volo internazionale e il potenziale per mantenere e attirare talenti tecnici. L’elenco rivela poco in termini di preferenze geografiche, con i finalisti sparsi per gli States.

“Arrivare dal 238 al 20 è stato molto difficile – tutte le proposte hanno mostrato enorme entusiasmo e creatività”, ha detto in una nota Holly Sullivan, di Amazon Public Policy. “Attraverso questo processo abbiamo appreso molte nuove comunità in tutto il Nord America che considereremo come location per futuri investimenti in infrastrutture e creazione di posti di lavoro”.