Alibaba sigla accordo con CIA per l’export del Made in Italy agroalimentare

La partnership con Alibaba consentirà alle aziende, soprattutto PMI, di associarsi per aprire un canale di vendita online globale che sfrutti il potenziale dell’enorme pubblico di buyer sul marketplace

La promozione del cibo italiano è un driver di fondamentale importanza in un momento in cui la spesa interna è in crisi, mentre l’export internazionale del Made in Italy agroalimentare continua con una buona performance (+3%).

È in tale contesto che s’inserisce l’intesa Cia-Agricoltori Italiani e Alibaba.com, volta a supportare le aziende italiane, in particolare le piccole e medie imprese, affinché possano raggiungere una platea più ampia di partner commerciali a livello globale.

Come riporta il Sole 24 Ore, Alibaba, piattaforma internazionale di ecommerce B2B, conta infatti oltre 20 milioni di buyer attivi in tutto il mondo sul marketplace, 150 milioni di utenti registrati, 190 tra Paesi e Regioni coinvolte, oltre 300.000 richieste al giorno per 40 settori merceologici. L’ecommerce B2B, che in Italia vale ben 132 miliardi, è 11 volte più grande della controparte B2C, che vale appena 11,8 miliardi di euro.

Alibaba e Cia: i termini dell’intesa

L’accordo prevede che Alibaba faccia da tramite per la promozione delle eccellenze agroalimentari locali collegando da remoto tutti gli stakeholder: acquirenti, fornitori, produttori, grossisti e così via. L’intesa, che avrà la durata di un anno, prevede la collaborazione di Adiacent, l’unico service partner certificato a livelo globale da Alibaba.com per l’erogazione di servizi a valore aggiunto nella Comunità Europea.

La promozione delle aziende italiane include pacchetti pubblicitari e di comunicazione, una vetrina dedicata ai prodotti che prenderà il nome di “Padiglione Italia” e la possibilità di partecipare ad una serie di appuntamenti per tutte le esigenze, dalla consulenza ad hoc fino a convegni ed eventi virtuali su tutte le piattaforme.

Dino Scanavino, Presidente nazionale di Cia, ha sottolineato l’importanza strategica dell’ecommerce per la crescita delle imprese agroalimentari italiane, confermando che l’associazione si sta adoperando per favorire il commercio anche su questo canale di vendita, oggi privilegiato dagli utenti per effetto della pandemia.

Perché proprio il settore agroalimentare?

Cipriani Foresio, Managing Director Alibaba South Europe, ha spiegato come l’agroalimentare sia la categoria più cercata e al tempo stesso anche un settore in cui l’Italia è particolarmente forte e riconosciuta. Per questo, la partita per i produttori locali si gioca in questo settore, dove il margine di crescita per l’export nostrano è ancora enorme.  Il “food&beverage” è la prima tra le “top 10 industries” sul marketplace, vino e pasta in testa tra i prodotti più cliccati.