Alibaba punta all’agricoltura digitale: in Cina frutta e verdura si vendono in livestreaming

Alibaba ha lanciato un piano per costruire 1.000 piattaforme di agricoltura digitale e ha firmato un accordo con le autorità per ampliare i servizi ecommerce nelle aree rurali

I servizi di livestreaming sono diventati un nuovo strumento per vendere prodotti agricoli in Cina, mentre il Paese potenzia le reti di ecommerce nelle aree rurali.

La sera del 21 aprile scorso Li Xuying, direttore di un negozio di Taobao nella provincia nordoccidentale cinese dello Shaanxi, ha venduto più di 20 tonnellate di funghi agarici per un valore di oltre 3 milioni di yuan (circa 425.000 dollari). Li ha detto che la vendita tramite diretta streaming, tenuta da due celebrità dell’ecommerce locale, ha fatto conoscere a più persone che mai i prodotti agricoli di qualità delle zone rurali.

Alibaba e JD.com puntano sulle aree rurali

Secondo le statistiche, la piattaforma livestreaming di Taobao, il principale sito di ecommerce di Alibaba, ha ospitato 1,4 milioni di trasmissioni in diretta per la vendita di prodotti agricoli, coprendo 2.000 contee e distretti in tutta la Cina. Ciò è stato reso possibile dagli investimenti della Cina nelle infrastrutture ecommerce delle aree rurali.

Secondo un rapporto del ministero dell’Agricoltura e degli Affari Rurali del 30 aprile, il 98% dei villaggi accorpati della Cina è coperto da fibra ottica e 4G, mentre il 99% dei villaggi poveri è coperto da banda larga.

Grazie al sostegno del governo e alla divulgazione di Internet, i giganti cinesi dell’ecommerce, tra cui Alibaba e JD.com, si stanno concentrando maggiormente sulle aree rurali per aiutare a eliminare la povertà. Ad aprile Alibaba ha lanciato un piano per costruire 1.000 piattaforme di agricoltura digitale. Ha inoltre firmato un accordo con l’autorità commerciale della provincia di Shaanxi per ampliare i canali di vendita e migliorare i servizi di ecommerce nelle aree rurali.