Il fintech rivoluziona il settore finanziario: chi sono i nuovi competitor delle banche?

Siamo in un momento di profondo cambiamento per il settore finanziario: cosa sono le fintech e quali sono i principali player dei nuovi competitor delle banche?

Negli ultimi due decenni si sono verificati importanti cambiamenti in quasi tutti i settori e, come fa notare Forbes, ora è arrivato questo momento anche per quello finanziario. Le banche, che hanno mantenuto la loro posizione dominante grazie a fattori quali ambienti altamente regolamentati, stanno assistendo all’emergere di nuovi concorrenti che minacciano di rubare una grande quota di mercato, se non, addirittura, allontanare le banchedalla loro attuale posizione di leader.

Forse il fenomeno più sorprendente e preoccupante per le banche tradizionali è il fatto che questi nuovi concorrenti finanziari stanno innovando e crescendo nei paesi emergenti. In Asia, Africa e America Latina, la percentuale di persone senza banca supera il 60% in tutti i casi. Tuttavia, le persone in questo segmento della popolazione possiedono un dispositivo mobile.

L’uso massiccio dei telefoni cellulari ha permesso grandi successi, come quello di M-Pesa in Kenya e di altri dieci paesi africani, che negli ultimi dieci anni ha consentito a oltre 30 milioni di utenti di trasferire denaro, contrarre prestiti ed effettuare depositi tramite telefoni cellulare, dalle zone rurali più remote. In Cina e nei paesi limitrofi, piattaforme come WeChat hanno oltre un miliardo di utenti che eseguono tutti i tipi di transazioni finanziarie utilizzando i telefoni cellulari senza la necessità di aprire un conto bancario. Un altro gigante della finanza non bancaria asiatica è Ant Financial, il braccio finanziario di Alibaba, una società ad alta tecnologia che consente a centinaia di milioni di utenti di pagare immediatamente, prendere in prestito denaro in soli tre minuti o fare investimenti nel più grande fondo monetario del mondo. Ant Financial è già tra le 10 più grandi società finanziarie al mondo per valutazione e sarà sicuramente tra le prime cinque in pochissimo tempo.

Fintech

Dei nuovi concorrenti che minacciano le banche in carica, le società di fintech sono le più specializzate. Si tratta di startup che si concentrano su un singolo prodotto o servizio finanziario. Le aziende Fintech hanno tre caratteristiche chiave:

  • Si concentrano su un singolo prodotto o servizio, che forniscono in modo superbo, con costi inferiori e un’esperienza utente eccezionale. Un esempio è TransferWise, un’applicazione internazionale per il trasferimento di denaro.
  • Hanno un chiaro orientamento al cliente. Senza il pesante retaggio delle banche tradizionali,le società di fintech possono concentrarsi sulla risoluzione dei problemi degli utenti. Un esempio è l’applicazione spagnola Fintonic, che consente ai clienti di organizzare i propri conti bancari e gestire i propri risparmi più facilmente.
  • Di solito usano una specifica tecnologia avanzata per ottenere un vantaggio competitivo. Un buon esempio è Kabbage, un prestatore di piccole imprese americano in grado di raccogliere grandi quantità di dati utilizzando l’intelligenza artificiale per concedere credito in soli dieci minuti.

Neo-bank

Un tipo di fintech che potrebbe svolgere un ruolo chiave nel prossimo futuro sono le cosiddette neo-bank or challenger bank. Queste banche sono fruibili solo da mobile e offrono solo un conto e una carta di debito o di credito come propri prodotti. Tutti gli altri prodotti sono offerti in collaborazione con altre fintech o società di uso quotidiano. Un esempio è N26, una delle più grandi neo-bank in Europa, che consente trasferimenti tramite TransferWise, gestione del risparmio con fintech Nutmeg e fare prestiti o investimenti in crediti con la piattaforma Lending Club – tutto in un’unica app.

Il successo delle neo-bank e delle aziende fintech ha spostato il paradigma in cui operano le banche tradizionali. Solo pochi anni fa, le banche citavano le loro numerose filiali fisiche come un vantaggio competitivo rispetto alle neo-bank, che non avevano la possibilità di uno stretto contatto con i clienti. Oggi, uno dei principali problemi delle banche tradizionali è proprio che devono sostenere costi più elevati rispetto alle fintech mantenendo le filiali fisiche e sono quindi in procinto di una chiusura capillare degli uffici.

Open Banking

L’esperienza positiva delle neo-bank suggerisce che ora è possibile, attraverso le API, collegare diversi fornitori di prodotti e servizi finanziari e quindi espandere la gamma di prodotti disponibili per gli utenti, senza la necessità di produrre questi prodotti e servizi all’interno dell’organizzazione. Questo è noto come il paradigma dell’open banking, un modello che alcune banche tradizionali stanno iniziando ad adottare come possibile soluzione alla prossima rottura.

La migliore soluzione per le banche tradizionali minacciate dai nuovi entranti potrebbe essere quella di collaborare con le fintech. Mentre le banche possiedono vantaggi che mancano a fintech – come un maggiore capitale e conoscenza delle normative, essere brand riconosciuti e avere già la fiducia dei clienti -, le fintech possono offrire nuove funzionalità alle banche, tra cui agilità, innovazione, riduzione dei costi, miglior user experience e maggiore capacità di utilizzare i dati.