Google potenzia la piattaforma Firebase, puntando alle aziende

Il colosso di Mountain View ha appena annunciato l’ulteriore sviluppo della piattaforma di app Firebase per destinarla non solo agli sviluppatori, ma anche alle grandi aziende.

google-work-insight

Google ha annunciato una serie di aggiornamenti alla sua piattaforma di sviluppo di app Firebase. La piattaforma in questione è stata progettata per supportarla nel passare da un singolo ambiente per singoli individui o piccoli team, ad uno strumento vero e proprio di sviluppo aziendale completo.

Google ha acquisito Firebase 4 anni fa. Lo scopo? Aiutare gli sviluppatori a connettersi a strumenti cloud chiave come un database o uno storage tramite un set di kit di sviluppo software (SDK). Nel corso del tempo, ha saputo mettere a punto funzionalità sofisticate come il monitoraggio per risolvere i problemi di prestazioni e l’accesso agli strumenti di analisi, ad esempio per vedere come gli utenti interagiscono con l’app. Ma il toolkit non è stato necessariamente sviluppato per essere orientato verso organizzazioni più grandi, almeno finora.

Aumentare le funzioni per far crescere i potenziali clienti

Gli annunci di questi giorni riguarderanno una serie di funzioni ed aggiornamenti rivolti maggiormente alle aziende e ai team di app più sofisticate, che stanno cercando di costruire e far crescere le loro app mobile”. Queste le parole di Francis Ma, responsabile del prodotto di Firebase,  al sito americano TechCrunch.

Forse la notizia più succulenta era quella che riguardava il supporto aziendale, perché mentre la società vanta 1,5 milioni di app al mese in esecuzione su Firebase, al fine di penetrare più a fondo nell’azienda stessa, si è dimostrato necessario disporre di un posto che l’IT aziendale potesse chiamare quando ci sono problemi. Ciò avverrà proprio con la compagnia, che dovrebbe annunciare vari pacchetti di supporto in Beta già entro la fine dell’anno. Questi pacchetti saranno poi legati al più ampio supporto di Google Cloud Platform.

Con questo lancio, se disponi già di un pacchetto di assistenza GCP a pagamento, sarai in grado di rispondere alle tue domande Firebase tramite la Console di supporto di Google Cloud Platform (GCP). Una volta che la modifica è stata completamente lanciata, il supporto di Firebase sarà incluso senza costi aggiuntivi con i pacchetti di supporto GCP a pagamento, che include i tempi di risposta target, un account manager tecnico dedicato (se sei iscritto al supporto Enterprise) e molto altro ancora”, ha dichiarato Francis Ma tramite un post sul suo blog.

Inoltre ciò riguarda anche i team e le organizzazioni più grandi, che necessitano di maggiori strumenti di gestione. Per questo la società ha annunciato l’API di Firebase Management. Ciò consente l’accesso programmatico per gestire i flussi di lavoro del progetto da IDE a Firebase. Ma include anche l’integrazione diretta con StackBlitz e Glitch, due IDE basati sul web. Sempre secondo Ma: “Le loro piattaforme ora rileveranno automaticamente quando stai creando un’app Firebase e ti permetteranno di effettuare il deployment su Firebase Hosting con un clic di un pulsante, senza mai lasciare le loro piattaforme”.

Un progetto a lungo termine

Ci sono stati molti annunci sulla questione, tra cui l’accesso a migliori strumenti di riconoscimento facciale nel kit ML di Google, annunciato dalla scorsa primavera. Ci sono stati anche miglioramenti al monitoraggio delle prestazioni del Crashlytics, che include l’integrazione con PagerDuty, e Firebase Predictions, il suo strumento di analisi, che è già generalmente disponibile dopo la laurea in Beta.

Tutti questi annunci e altro ancora, fanno parte di una maturazione della piattaforma Firebase poiché Google si propone di spostarlo da uno strumento rivolto direttamente agli sviluppatori a uno che possa essere integrato a livello aziendale.