Nuove tendenze ecommerce: Kooomo svela i trend per l’autunno 2020

Kooomo esplora l'universo ecommerce e delinea tre nuovi trend da tenere d'occhio: Intelligenza Artificiale, evoluzione dei pagamenti e nuovi vertical

L’ecommerce sta vivendo la sua stagione d’oro. Mai prima d’ora, complice anche l’accelerazione data dalla pandemia, così tante persone scelgono il canale online per i loro acquisti.

Solo in Italia si sono registrati 2 milioni di nuovi consumatori e il settore crescerà entro la fine del 2020 del 55%. “Ma non sono solo i consumatori a preferire la rete” – dice Anastasia Sfregola sales director di Kooomo, la piattaforma di ultima generazione che aiuta le aziende a vendere online e internazionalizzare –  “Sempre più spesso anche le imprese vogliono passare al digitale, un cambiamento che sta interessando persino il b2b e l’esplosione dei virtual showroom con l’innalzamento degli standard di performance e qualità, lo dimostrano”. 

Quali nuovi trend ecommerce per l’autunno?

Kooomo, 20 anni di esperienza e oltre 200 partner tecnologici, dal suo osservatorio privilegiato ha individuato i 3 trend in ascesa per l’ultima parte del 2020. 

1. Percorsi intuitivi e personalizzati con l’Intelligenza Artificiale

Stiamo andando sempre più verso un’esperienza di consumo fluida – dice l’esperta – e se da un lato, quindi, sfuma la separazione fra store fisici e store digitali in favore della continuità d’acquisto, dall’altra quando compra online il consumatore vuole essere assecondato, guidato, quasi come fosse in un negozio tradizionale: le parole d’ordine sono intuitività e personalizzazione”.

Ed è proprio in questo senso che l’uso di sistemi di Intelligenza Artificiale può fare la differenza per un ecommerce. Processi di marketing automation con email e banner di navigazione su misura e visualizzazioni ad hoc su store multibrand in base alle preferenze dell’utente sono solo alcuni dei plus che l’AI può apportare alle vendite online e che saranno irrinunciabili nel prossimo futuro”.

2. Sicurezza e Innovazione, l’evoluzione dei pagamenti digitali

“Siamo entrati in una nuova era delle vendite digitali – commenta Sfregola – dove tutto il processo si struttura attorno al consumatore, assecondando, e quando possibile anticipando, i suoi bisogni”.

Determinante il momento del pagamento che coincide con la chiusura della transazione. “Non un particolare – prosegue – se pensiamo che una delle cause principali per cui un acquisto non va a buon fine si verifica quando il cliente non trova la propria valuta al momento di concludere il processo, ecco perché sicurezza e innovazione in questo passaggio diventano determinanti”.

Il 46% delle transazioni avviene con la carta di credito. L’utente, quindi, cerca in primo luogo garanzie contro furti e frodi, ma non solo. La nuova tendenza è il pagamento rateale anche per piccoli acquisti online: “Grazie all’integrazione Scala Pay, startup di fintech australiana – ricorda la sales director – Kooomo ha aumentato del 40% le vendite di Miss Bikini”.

3. Food e Farmaceutica è il momento di nuovi vertical

Non solo moda – continua Sfregola – oggi si affacciano al mondo dell’ecommerce settori sempre nuovi. La fragilità dei canali tradizionali emersa in tutta la sua forza durante la pandemia e insieme la conseguente necessità di strutturare la parte digitale del business in maniera professionale e scalabile stanno cambiando profondamente il panorama del comparto”.

Ad affacciarsi all’online, infatti, nuovi vertical come il food che, dopo la prova del fuoco del lockdown, oggi sta consolidando la sua presenza in rete, e il farmaceutico, con in testa integratori e prodotti nutraceutici. “Questa crescita dei vertical online porta un aumento delle proposte di servizio da parte delle piattaforme aumentano infatti le soluzioni per gestire al meglio i processi”.

È il caso del Pick and Pack di Kooomo, l’applicazione originale indispensabile per ottimizzare la gestione degli stock in magazzino e facilitare le operazioni d’imballaggio.